copertina-ottativo_fronte-b

L’ottativo è il modo del desiderio e della potenzialità. Per esprimere un desiderio si può strofinare una lampada; ma la lampada si può usare anche per fare luce, e poi cercare quello che si desidera. Ottativo non racconta la ricerca di qualcosa, e nemmeno la descrive; è la ricerca stessa di qualcosa, nel suo farsi. Così Daniele Poletti, immerso come tutti nel chiacchiericcio quotidiano – dal momento che “parlare fa saliva tutto ciò che svia è dialogo tra due seggiole” -, costruisce delle stanze, che crescono come denti, o come formicai. Allora, come per il Barone di Münchausen, sarà possibile salvarsi dalle sabbie mobili, perché è “un conforto conoscere per se stesso afferrandosi ai propri capelli”.

[Daniele Poletti nasce a Viareggio nel 1975. Pubblicazioni: Dama di Muschi (1995, edizione privata), con i testi introduttivi del poeta visivo Arrigo Lora-Totino e dall’artista Antonino Bove, Una giornata… particolare (2003, Mauro Baroni editore) e Ipotesi per un ipofisario (2005, Marco Del Bucchia Editore). Tra le partecipazioni: L’ora d’aria dei cani (2003, Mauro Baroni editore), Parabol(ich)e dell’ultimo giorno. Per Emilio Villa (2013, Dot. Com Press), I racconti della metro (2016, Aracne editore). Fondatore e promotore del progetto culturale [dia•foria, che all’inizio del 2013 ha inaugurato un nuovo spazio dedicato alle scritture di ricerca: f l o e m a – esplorazioni della parola.]

Daniele Poletti, Ottativo (Edizioni Prufrock spa) – booktrailer from Prufrock spa on Vimeo.

da Ottativo

III

Ti accompagnavo a comprare delle scarpe, quelle che indossavi si erano rotte [tutte.
Dovevi partire dopo poche ore. Non ricordo per dove, ma sembravi
poco voglioso del viaggio o contrariato da qualcosa;
era tardi, pomeriggio tardo e sbadigliavi già. Le mie mani di un verdetto.
Una sopra l’altra il dorso le cinque teste
riverse, cerbero dalle cinque teste la terra pute
sudore. Ossigeno in latrato i capelli e le unghie
continuano a crescere una smania di denti dismessi.
Atropina da 1 a 5 mg dopo poche ore
non ricordo per dove le mani e l’arsura delle ghiandole
da qualcosa si erano rotte. Strappata invece intatte ora viso fossa.

ISBN 978-88-98165-10-0

12 euro

ORDINA IL LIBRO QUI | o scrivendo a prufrock_spa@libero.it