Ollivud, di Andrea Inglese

copertina Ollivud_fronte

Ollivud è un dittico, un libro costituito da due sezioni autonome, che esplorano il cinema non come macchina di finzioni, ma come organizzazione distopica del mondo, laboratorio politico, terreno di lotta per la schiavitù totale o l’insubordinazione. Nella prima parte, 27 prose brevi presentano altrettanti film, ma secondo una logica involutiva: ad ogni nuovo film, una tappa ulteriore in un immaginario turpe e degradato. Nella seconda parte, si apre un itinerario al crocevia dei generi: poesia, saggio critico, meditazione filosofica, romanzo dell’infanzia, attraverso il capolavoro di Stanley Kubrick 2001 Odissea dello spazio, per recuperare la valenza utopica, libertaria, insita nella macchina cinematografica.

| ORDINA OLLIVUD QUI |

 

Annunci