Luca Rizzatello | ASTA SU ABUELO, 2

asta su abuelo 2 b

Luca Rizzatello | ASTA SU ABUELO, 2

la sorte di tatum è appesa alle sue dita
tumefatte la sala chiude un occhio in suo onore
l’assolo per stasera cede il passo alla danza
del verme le vertebre intasate di tenebre

delle tenere membra per evertere sidera
retro per evacuare l’albergo a ore ora
gettagli giù la treccia d’oro getta lì il dado
della discordia getta la corda nel cratere

nel catetere tutto il creato si muove
campi di grano alberi e cartoni animati
cordoni ombelicali aborti a fuoco lento
e aborti più rapidi nella cisterna i rospi

e il domatore che si annodano ben stretti
nelle loro maniere graziose e piacevoli
per ore e ore intere si mordono le labbra
rosse arrossando i denti bianchi nell’origine

dell’ardore nel nastro di möbius le bestiole
si scopano anche in corsa nel carcere di rodez
si fa silenzio anche se muta il fiore nudo
delle sue labbra appeso alla parete il fiore

muto per una libbra di carne per un tremor
cordis per non starsene da solo con la vip
card e il piatto d’argento dàllo in pasto al ronzio
della danza microbica al baccanale amaro

in quanto macrobiotico al coro delle voci
bianche al branco di porci col grifo nella broda
invece i chierichetti sono così ubriachi
che giostrano in sacrestia travestiti di tutto

punto non sono come cerbiatti non vitelli
ma bestie travestite da prima comunione
incorniciate in posa sopra il centrotavola
la fabbrica dismessa di corpi umani che

dal maggio va alle rose dal marcio va alla dose
sul bordo del lavabo sopra il centrotavola
sopra il ricordo nella cornice ogni ricordo
è riproducibile eri con lei o su lei

l’erinnofilo sa dove e come si deve
leccare naso orecchie e labbra ma tu eri
contralto o sopranista ma da quando ti sono
spuntate quelle corna il sultano subisce

l’insulto le sue corna l’estensione ha il suo costo
prima o poi la cesura maschilista la prassi
l’hapax e l’herpes simplex l’addio al celibato
l’astensione dal voto e l’estinzione dell’ex

voto e quella del panda la censura dell’es
grazie all’escamotage ad hoc del filo rosso.

(testo integrale apparso su Atelier n. 70 – giugno 2013)

Annunci